Chiudi
Torna su

Think different Tag

L'altro giorno ho ricevuto una richiesta: fare il preventivo per degli script web. Ho avuto un brivido e mi sono emozionata. Ho continuato a scrivere fino alla fine della giornata lavorativa ma pensavo al preventivo da preparare. Mi sono sentita un po’ più viva, perché con tutte queste persone che si definiscono copywriter solo perché scrivono articoli su un blog, ogni tanto perdo un po’ le sfumature di questo lavoro.

In questo periodo ho più tempo per me. Mi sto impegnando a lavorare meno nel weekend, trascorro le domeniche a leggere romanzi e far scivolare la giornata lentamente. Domenica, tra una pausa e l’altra da Marcela Serrano, ho scritto; non sono riuscita a trattenermi. La mattina ho acquistato un corso di formazione online sull’impostazione del calendario editoriale e mi è venuto naturale spulciare il sito di Sara Salvarani, la digital coach che seguo su Instagram. Sono corsa a leggere la sua pagina Chi sono. Volevo conoscerla meglio, capire che cosa aveva deciso di lasciare a noi lettori.

Settembre è sempre un nuovo anno, l’occasione per ripartire dopo un po’ di riposo o di lentezza dal lavoro estivo. È ricominciare dandosi nuovi obiettivi, rovistare tra i buoni propositi accantonati e impegnarsi a fare qualcosa di buono in maniera differente. Settembre è grinta ed entusiasmo, voglia di dare il massimo tra vecchi e nuovi progetti, tra proposte e collaborazioni di qualità. È mettersi in gioco affrontando nuove sfide.

Ho scelto un corso di formazione per copywriter tosto e non mi posso lamentare. Ho scelto il meglio sulla piazza e lo rifarei mille volte. Parlo di copy42 Web, il percorso formativo che ho iniziato a marzo e che mi terrà impegnata fino a luglio con lezioni, studio, approfondimenti ed esercizi pratici.

Ricordo ancora i tempi di Splinder, quando scrivere in un blog personale era scrivere pulito. C'era timidezza, si utilizzavano i nickname per sentirsi in un mondo nuovo. Io avevo tre blog, ma quello principale era vedovascalza, un nick preso in prestito da uno dei miei libri preferiti di Salvatore Niffoi. Aveva una schermata nera (si, me ne vergogno) e l'headline del blog era "Spiritually", come una canzone che amavo.

È già il secondo anno di fila che affronto un cambiamento nel mese di marzo. È solo un caso, ma marzo è comunque un ottimo mese per fare progetti e mettere in moto nuove speranze. Io che non sono mai contenta se resto ferma nello stesso punto, anche questo secondo anno affronto  un cambiamento importante.